Allergie e intolleranze alimentari

8 allergeni
Download PDF

Ci sono più di milleseicento alimenti che possono provocare reazioni allergiche, ma soltanto il 90 per cento del cibo che dà reazioni  deriva da pochi alimenti.

Anche se le reazioni allergiche possono verificarsi con qualsiasi alimento, alcuni studi di ricerca sulle allergie alimentari  riportano sempre più di problemi con alcuni alimenti piuttosto che con gli altri. E ‘importante rendersi conto che la frequenza dei problemi varia da Paese a Paese e può cambiare in modo significativo con il variare della catena alimentare o con altri sistemi di trasformazione. Ad esempio, in diverse parti del mondo, tra cui il Canada, il Giappone e Israele, l’allergia ai semi di sesamo è salito a un livello di grande preoccupazione negli ultimi 10 anni.

Negli Stati Uniti, a partire dal 2004 con l’entrata in vigore dell’etichettatura obbligatoria del cibo che contengono allergeni e l’appoggio del Consumer Protection Act (FALCPA), è stato chiesto di identificare nelle etichette degli alimenti  la presenza dei principali allergeni alimentari. Dal momento che il 90% delle allergie alimentari negli Stati Uniti sono state associate, come riferito dai Centri di studio statunitensi per il controllo delle malattie, agli 8 tipi di alimenti che sono considerati i principali allergeni alimentari negli Stati Uniti e richiedono un’identificazione specifica sulle etichette degli alimenti. Gli 8 tipi di alimenti classificati con i più importanti allergeni sono i seguenti: (1) grano, (2) latte vaccino, (3) uova di gallina, (4) Pesce, (5) Molluschi e crostacei (tra cui gamberi, scampi, aragoste e granchi); (6) la frutta con guscio (tra cui anacardi, mandorle, noci, noci pecan, pistacchi, noci del Brasile, nocciole e castagne); (7) arachidi  (8) Soia.

Questi alimenti non devono essere mangiato nella loro forma pura isolato per innescare una reazione avversa. Ad esempio, lo yogurt di latte di mucca è anche un alimento allergizzante comune, anche se il latte vaccino è stato trasformato e fermentato in modo da renderlo yoghurt. Il gelato a base di latte vaccino è anche questo un altrettanto buon esempio.

Sintomi di allergia alimentare possono a volte essere immediati e specifici, e possono includere eruzioni cutanee, orticaria, prurito, eczema, gonfiore delle labbra, della lingua o della gola, formicolio in bocca, respiro affannoso o congestione nasale, difficoltà di respirazione,  sonnolenza o vertigini. Ma i sintomi di allergia alimentare possono anche essere molto più generali e con effetti ritardati, e possono includere stanchezza, depressione, mal di testa cronici, problemi intestinali cronici (come diarrea o costipazione) e insonnia. Poiché la maggior parte dei sintomi di allergia alimentare possono essere causati da una serie di altri problemi di salute, è buona norma cercare l’aiuto di un operatore sanitario nel valutare il ruolo delle allergie alimentari nella vostra salute.

Download PDF

Lascia un commento