L’arte spazza via la tristezza, Elaine si racconta.

Download PDF

 

A Elaine Waters fu diagnosticata la malattia di Graves nel 2008, in seguito perse gran parte della sua vista. La sua arte, ha contribuito a far fronte e ad adottare un atteggiamento positivo, verso i cambiamenti della sua vita.

Poco più di cinque anni fa la make-up artist, Elaine Waters, aveva una vita sociale attiva e amava la sua carriera. Organizzava eventi  per L’Orèal e Lancome contribuendo ad aumentare l’autostima nelle donne, truccandole per gli eventi speciali e insegnando loro come applicarli.

Le cose sono cambiate nel 2008, quando questa signora residente nella penisola di Te Atatu (Nuova Zelanda) fu colpita dalla malattia.

Diventò quasi completamente cieca, perse anche i contatti con i suoi amici e ad un certo punto contemplò anche il suicidio. Ma l’amore per i suoi due figli e un ritrovato talento per l’arte, le hanno permesso di andare oltre.

elaine waters e le sue opere artistiche

Per il suo 40 ° compleanno i genitori di Elaine Waters,  insieme ai suoi figli, organizzarono una mostra delle sue opere in casa loro. Fu invitata e  partecipò  anche, la proprietaria della Abundance Art Gallery, Maryann Pennington, che ne rimase colpita e accettò di esporre alcuni dei suoi lavori.

Dopo un riscontro col pubblico entusiasta, Ms Waters sta ora pianificando la sua prossima mostra presso la galleria della penisola di Te Atatu nel mese di luglio e spera di ispirare altre persone  che sono anche loro  alle prese con problemi di salute.

Ms Waters ha subìto tre mesi di  indagini mediche e analisi strumentali  prima che le fosse diagnosticata la malattia autoimmune chiamata sindrome di Graves, dovuta a un’ iperattività della tiroide, sviluppata dal diabete. “I medici pensavano che stessi avendo un crollo mentale, ero così traballante.” “Allora i miei occhi cominciarono a diventare doloranti, il mio occhio sinistro ha iniziato a gonfiarsi al di fuori della testa.” I medici hanno dovuto  intervenire sull’osso di entrambe le orbite per alleviare in parte la pressione dietro agli occhi, ma i nervi sono stati danneggiati e la maggior parte della vista se n’era già andata.

“Quel che riesco a vedere si può paragonare  ad uno specchio rotto. Si ottiene un’idea generale, ma l’immagine è come riflessa  dappertutto, come in un caleidoscopio”, dice.

Perse anche la vicinanza e le visite degli amici perché non sapevano come confrontarsi con la sua malattia. “Ho pensato al suicidio, ma non l’ho fatto solo per il puro amore dei miei figli”, dice.

Ms Waters cercò in sé nuove risorse  per aiutarsi a far fronte  a questa nuova vita, la trovò attraverso l’arte, cominciò a produrre  piccole sculture e dipinti. “Il mio lavoro di quel periodo, riflette esattamente come mi sentivo in principio, era molto buio.”

Ms Waters, che è originaria della Scozia, per realizzare le sue opere, utilizza molti dei suoi vecchi strumenti del mestiere di truccatrice,  tra cui gli smalti, matite e ombretti mescolati con la colla per fare la vernice.

“Il trucco è la mia arte e la sto tuttora  esprimendo, non più su una faccia, ma su un pezzo di carta.”

Consigli di ms Waters:  “Per le persone che stanno cambiando la loro vita attraverso una malattia:  “Consiglio di non essere troppo duri con sé stessi.  Accettarsi per quello che sta succedendo. Io non mi sono accettata per lungo tempo, e non appena l’ho fatto,  mi sono sentita libera.”

La signora Pennington della galleria d’arte,  dice che i  lavori di  Ms Waters sono notevoli da un punto di vista artistico.

“Essere un artista del make-up, le ha permesso di recuperare  l’abilità che aveva prima che si ammalasse..”

Articolo originale clicca qui

Download PDF

Lascia un commento