Non serve essere “impacciati” verso le persone con disabilità

Download PDF

Per evitare di essere  goffi e impacciati con le persone che presentano delle disabilità, i protagonisti del  video  ci racconteranno con ironia  come, molto spesso, non si sappia interagire con le persone disabili.

Video by Office of Disability Rights*,  Washington Dc

Trascrizione e traduzione del  video qui sotto:

Prima scena: due persone disabili si trovano dentro  un ascensore. Entra un collega di lavoro. La persona sulla sedia a rotelle saluta il nuovo arrivato: “Buongiorno Bob!” A sua volta il nuovo arrivato risponde al saluto, gesticolando con fare impacciato,  “Buongiorno allora, grand’uomo!” poi rivolgendosi alla ragazza non vedente le urla “Buongiorno Alice!”

Ritornello cantato: “Non c’è nessun bisogno d’essere impacciati”.

Voce fuori campo:
“Come molti di noi, Bob non sa come interagire con le persone con disabilità”

Ragazzo sulla sedia a rotelle: “E’ molto facile, in realtà le persone disabili sono persone prima di tutto.”

Ragazza non vedente: “Abbiamo bisogno di tutto ciò di cui chiunque abbia bisogno, come il rispetto”

Scena durante una riunione in ufficio, entra un superiore sulla sedia a rotelle dicendo: “Buongiorno a tutti”
Tutti i presenti da seduti si alzano in piedi e sull’attenti dicono: “Attenzione!”
Rumore: stridio di una puntina su disco in vinile

Cambio di scena e un ragazzo  dice:
“Ok…forse dobbiamo essere più specifici”

Cambio di scena: Ragazzo su una sedia a rotelle su un campo da basket:
“Il modo migliore di mostrare rispetto è concentrarsi sulla persona, non sulla sua disabilità. E’ tutto ok, ti ci abituerai.” Lanciando una palla facendo canestro dalla sua carrozzella.

Un’ interprete del linguaggio dei segni, traduce a voce quello che un ragazzo sordo muto sta dicendo:
“Un modo semplice per concentrarsi sulla persona è guardare la persona che parla col linguaggio dei segni, e non il suo interprete.”

Scena dove due persone si stringono la mano all’altezza del viso della persona sulla sedia a rotelle:
“E non considerare solo il suo interprete o il loro compagno/accompagnatore”

Scena dove  una donna che deambula con le stampelle si appresta ad aprire una porta, una persona pensando di aiutarla apre la porta a sua volta facendola cadere per terra:
“E’ molto carino che tu voglia aiutare, ma fai un favore ad entrambi e chiedimelo prima. ciò che pensi possa aiutare potrebbe non aiutare affatto”

Ragazza non vedente:
“Se vuoi offrirmi il tuo aiuto fammi tenere il tuo braccio (sopra il gomito), non prendere il mio”  Un ragazzo offre il suo braccio  “Hey, vuoi prendermi il braccio?” Sicuro!”

Ragazzo su una sedia a rotelle:
“I dispostitivi d’assistenza di cui disponiamo, ci aiutano a vivere le nostre vite, sono molto importanti ed estremamente personali  e afferrarli è fuori luogo”  Un collega di lavoro sentendo volare una mosca afferra una stampella della persona disabile e la sbatte sulla scrivania per ammazzare la mosca.

Donna non vedente insieme al suo cane guida:
“Per favore tocca i nostri ausili o i nostri animali di servizio, solo se ti abbiamo dato il permesso e non prendertela personalmente se ti chiedo di non farlo, ricorda che il mio animale mi aiuta costantemente, e a nessuno dei due piacerebbe se venissimo separati.”

Ragazzo sulla sedia a rotelle: “Ricorda che prendiamo le nostre decisioni in modo indipendente firmiamo documenti, votiamo, facciamo volontariato , lavoriamo e paghiamo le tasse.”

Coppia seduta sulle scale: “Ci sposiamo”

Ragazzo con berretto universitario: “Quindi non sottovalutarmi solo perché ho un sorriso splendido”.

Persona alla reception urla  alla ragazza non vedente “Posso esserle utile ?”  Lei risponde “Solo perché sono cieca non vuol dire che sia sorda”

Ragazzo sordomuto col linguaggio dei segni: “Solo perché sono sordo non vuol dire che io sia cieco”

“Solo perché uso una sedia a rotelle non vuol dire che non possa farti mancare la terra da sotto i piedi.”

“Quindi fai un respiro profondo , rilassati , non mordiamo!”

Un ragazzo mordendo un panino: “A meno che non abbia molta fame”

“E se non sai cosa fare chiedi e basta”

Ragazza non vedente al Bar, un cameriere le chiede:
“Vuole vedere il menu?”
Ragazza non vedente: “No grazie, me lo può leggere per favore ?”
Cameriere: “Certo, senz’altro”

“Trattaci come vorresti essere trattato e andrà tutto bene !”

Ritorno sulla scena iniziale dell’ascensore: Bob entra e saluta tutti in maniera naturale e spontanea.

Voce fuori campo: “Non più imbarazzo, Hai fatto un buon lavoro Bob!”  Fine del video

*Questo video è stato concepito, prodotto e pubblicato dall’Office of Disability Rights di Washington Dc. La mission dell’Ufficio che si occupa dei diritti dei disabili (ODR) è quella di garantire che i programmi, servizi, prestazioni, attività e strutture gestite o finanziati dal Distretto della Columbia (USA)  sono completamente accessibili a, e utilizzabili da persone con disabilità. ODR è impegnata in progetti che mirano all’inclusione, servizi basati sulla comunità, e l’autodeterminazione delle persone con disabilità. L’ODR è responsabile della supervisione dell’attuazione degli obblighi della Città sotto l’Americans with Disabilities Act (ADA), così come da altre leggi sui diritti dei disabili.

 

Download PDF

Mangiare a tavola

Download PDF

Torna all’elenco degli articoli >

Mangiare a casa e fuori: a tavola
Ci sono molti modi per rendere più semplice mangiare a tavola per le persone non vedenti od ipovedenti. Molte volte quando si ricevono inviti fuori per pranzo o cena da familiari o da amici, capìta di essere imbarazzati se accettare l’invito per il timore che possano capitarci dei piccoli incidenti, come fuoriuscite del cibo dal piatto oppure capovolgere bicchieri pieni mentre si sta cercando di recuperare il pane e così via. Quando mangio fuori, Io adotto piccoli accorgimenti come portarmi dei tovaglioli di carta di diverso colore da mettere sotto il piatto per creare contrasto con i diversi tipi di stoviglie che andrò a trovare così come un bicchiere colorato. In condizioni di luce artificiale adeguata non avrei così tanti problemi ma di solito nei ristoranti si trovano luci soffuse e questo per me è un problema.
Individuazione degli elementi a tavola
Il detto “un posto per ogni cosa e ogni cosa al suo posto” si può applicare anche quando si tratta di organizzare un tavolo da pranzo. E’ importante impostare il vostro tavolo ogni volta allo stesso modo ed incoraggiate gli altri a fare lo stesso.
L’immagine qui sotto mostra come una apparecchiatura non efficace possa apparire problematica ad una persona con problemi di vista.

Rtotal white setting

Per aiutarvi a localizzare gli oggetti della vostra postazione, potete utilizzare la tecnica del contrasto di colore.

  • Mettere stoviglie scure su uno sfondo bianco, come ad esempio tovaglia o tovaglietta, e quelli chiari su uno sfondo scuro.
  • Utilizzare inoltre dei bicchieri colorati o fantasia, piuttosto che cristalli trasparenti.
  • Fare riferimento alle immagini qui sotto che mostrano come questo principio fondamentale possa aiutare una persona con
    problemi di vista.

Rpostazione contrasto1

bicchieri colorati

Mangiare a casa e fuori: a tavola

Ci sono molti modi per rendere più semplice mangiare a tavola per le persone non vedenti od ipovedenti. Molte volte quando si ricevono inviti fuori per pranzo o cena da familiari o da amici, capìta di essere imbarazzati se accettare l’invito per il timore che possano capitarci dei piccoli incidenti, come fuoriuscite del cibo dal piatto oppure capovolgere bicchieri pieni mentre si sta cercando di recuperare il pane e così via. Quando mangio fuori, Io adotto piccoli accorgimenti come portarmi dei tovaglioli di carta di diverso colore da mettere sotto il piatto per creare contrasto con i diversi tipi di stoviglie che andrò a trovare così come un bicchiere colorato. In condizioni di luce artificiale adeguata non avrei così tanti problemi ma di solito nei ristoranti si trovano luci soffuse e questo per me è un problema.

Individuazione degli elementi a tavola

Il detto “un posto per ogni cosa e ogni cosa al suo posto” si può applicare anche quando si tratta di organizzare un tavolo da pranzo. E’ importante impostare il vostro tavolo ogni volta allo stesso modo ed incoraggiate gli altri a fare lo stesso.
L’immagine qui sotto mostra come una apparecchiatura non efficace possa apparire problematica ad una persona con problemi di vista.

Rtotal white setting

Per aiutarvi a localizzare gli oggetti della vostra postazione, potete utilizzare la tecnica del contrasto di colore.

  • Mettere stoviglie scure su uno sfondo bianco, come ad esempio tovaglia o tovaglietta, e quelli chiari su uno sfondo scuro.
  • Utilizzare inoltre dei bicchieri colorati o fantasia, piuttosto che cristalli trasparenti.
  • Fare riferimento alle immagini qui sotto che mostrano come questo principio fondamentale possa aiutare una persona con
    problemi di vista.

Rpostazione contrasto1

bicchieri colorati

Esplorazione

Per aiutarvi ad individuare gli oggetti su un tavolo, specialmente che non avete organizzato voi, potete usare la tecnica della mano a ragno.

posizione mano

Si appoggia il polso sul bordo del tavolo con la mano aperta a palmo in giù sul tavolo, rilassando le dita leggermente arcuate. La mano deve sembrare leggermente a forma di coppa.

Si procede delicatamente in avanti, in direzione dell’oggetto che si sta tentando di individuare. Tenere questo movimento delicato e mantenere il contatto con il tavolo per evitare di rovesciare gli elementi durante la vostra ricerca.

esplorazione mano1

Utilizzare anche la tecnica dei marcatori tattili per aiutarsi a distinguere gli oggetti gli uni dagli altri.
Contenitori di sale, pepe e salse varie possono essere contrassegnati con velcro o avvolti in elastici.
Utilizzare una tovaglietta colorata per evidenziare i confini della vostra postazione per le posate ed i piatti.

Individuazione del cibo nel piatto

Se siete ospiti ed avete difficoltà nell’individuare il cibo nel piatto si potrebbe chiedere ad un’altra persona di utilizzare il metodo del quadrante per descrivervi la posizione del cibo nel piatto, per esempio i piselli sono a ore 3:00, la carne è a ore 06:00 e così via.

redclock

Il cibo che necessita di maggiore forza durante la fase di taglio, come ad esempio la carne, deve essere posizionato il più vicino a voi (ore 6,00), in quanto risulterà più facile controllare il coltello.

clock

Esplorare il contenuto del piatto toccando leggermente con la punta della forchetta per identificare la posizione di vari alimenti.
Evitare piatti con decori e fantasie. Le fantasie possono confondere quando si sta cercando di individuare il cibo nel piatto.

Illuminazione

Può essere utile avere una lampada sul tavolo che illumini direttamente sul vostro piatto. Assicurarsi che sia posizionata sotto il livello degli occhi per evitare l’abbagliamento.
Se si utilizza la luce naturale, sedersi a lato o di spalle rispetto alla finestra per evitare l’abbagliamento.

Taglio

Partire con le posate dal bordo del piatto.
Trovare il bordo del pezzo di cibo per mezzo della punta del coltello e della forchetta.
Muovere la forchetta solo dal bordo verso il centro del piatto.
Tagliare intorno alla forchetta per selezionare un pezzo delle dimensioni del boccone. È possibile controllare che il cibo sia ancora sulla forchetta muovendo in aiuto, il coltello verso il basso.

In generale

Usare il coltello e la forchetta per controllare la posizione del cibo. Fare in modo che non sia troppo vicino al bordo del piatto, ma spingerlo verso il centro.

Se non siete sicuri  quale sia il contenitore del sale e del pepe, cospargete un po’ del contenuto sul palmo della mano. Evitate di annusare per non starnutire. Con la pratica questo sistema vi permetterà anche di sapere distinguere i due ingredienti, dalla velocità di discesa, dalla consistenza etc.

Durante lo spostamento del cibo, da A a B, ad esempio, mettere lo zucchero nel tè o caffè; spostare i contenitori e sistemarli uno accanto all’altro per evitare spargimenti.

Attrezzature Adattive

Tovagliette antiscivolo in silicone – Queste forniscono un’ancoraggio sicuro per il vostro piatto quando si sta cercando di tagliare il cibo o per una ciotola quando si sta mescolando.

sottobicchiere antisc

Gli Splayds, in Italia non sono ancora disponibili, Queste posate sono a forma di cucchiaio, con punte come forchette. Possono essere utili per mangiare cibi morbidi, che possono essere tagliati premendo con il bordo. E’ un utensile che combina insieme le funzioni di cucchiaio, coltello e forchetta.

splayds

Anelli di sicurezza per il piatto – Questi sono dei semi-cerchi flessibili in plastica alti un paio di centimetri. Si agganciano al bordo del piatto e forniscono il vantaggio di evitare, durante la fase del taglio o la ricerca dei vari ingredienti, che il cibo fuoriesca dal piatto, soprattutto se si mangia con una mano. Esistono in commercio anche dei piatti con bordo rialzato sul lato così come piatti con divisori, che possono aiutare per lo stesso scopo.

anello per piatto

Rdivided and safe plates

 

Download PDF