Nuove frontiere per la pressione oculare

Download PDF

occhio

Un sistema di microfluidi impiantabile può efficacemente stabilizzare la pressione intraoculare.

La pressione oculare elevata oppure bassa compromette la nostra capacità di visione, e nel peggiore dei casi, può anche portare alla cecità. Fino ad ora, non vi è stato alcun trattamento efficace a lungo termine. In risposta a ciò, i ricercatori Fraunhofer stanno sviluppando un sistema di microfluidi impiantabile in grado di stabilizzare la pressione intraoculare in modo efficiente e duraturo.

Il glaucoma e la tisi bulbare sono incurabili, e sono malattie insidiose degli occhi. Mentre il glaucoma altera il normale efflusso dei fluidi oculari interni, elevando così la pressione intraoculare, la tisi bulbare si riferisce ad una condizione in cui l’occhio produce troppo poco umor vitreo. L’occhio comincia a collassare su se stesso: questo è il motivo per cui è a volte è nominato come atrofia del bulbo oculare. In entrambi i casi, il paziente affetto può avvertire una grave forma di visione alterata e forse anche cecità. Gli approcci terapeutici contemporanei sicuramente attenuano la progressione della malattia, tuttavia essi sono efficaci solo per un certo periodo. Nel glaucoma, per esempio, il chirurgo crea un effluvio artificiale aggiuntivo all’interno della camera oculare anteriore. Il problema: in circa uno su quattro pazienti, le cicatrici si verificano dopo la procedura  impedendo il drenaggio del liquido intraoculare. Al contrario, nel caso della tisi, il medico inietta nell’occhio dei fluidi come l’acido ialuronico  ad intervalli regolari – una procedura sgradevole che ancora non può impedire la cecità nell’immediato futuro.

I ricercatori del Fraunhofer Research Institution per Microsysems e Modular Solid Technologies State EMFT stanno lavorando su un nuovo approccio alla terapia: lavorano in collaborazione con diverse piccole e medie imprese, in questo  modo, somo in grado di risparmiare al paziente molteplici procedure da seguire, e può mantenere la capacità di vedere nel corso di un periodo di tempo più lungo e, nel migliore dei casi, a prevenire completamente la cecità”, dice Christoph Jenke, Project Manager di EMFT.

Gli impianti sono applicati al bulbo oculare.

Altri sviluppi
Upsher-Smith presenta i dati favorevoli relativi allo studio OLE  Qudexy XR, fornisce aggiornamenti sui programmi di sviluppo dei farmaci. Il New York Eye and Ear Infirmary MountSinai osserva il 1 giugno come Giornata Mondiale Ortottica.
L’impianto è costituito da un sistema di micro-pompa, il controllo della pompa è basato da sensori, una batteria integrata per la fornitura di energia a stato solido e un modulo di telemetria per la trasmissione dati. Può essere collegato direttamente al bulbo oculare: “Naturalmente, il paziente non deve sentire e il suo impianto con i suoi movimenti degli occhi in alcun modo”, chiarisce Jenke.  I componenti del sistema sono state pertanto miniaturizzati. I ricercatori con sede a Monaco hanno sviluppato una minuscola (solo millimetri cubi 7x7x1),  pompa micro membrana biocompatibile di silicio  con una produzione di 30 microlitri per secondo (massimo). A seconda della malattia, può idratare gli occhi o scaricare il fluido intraoculare. Esperti Fraunhofer usano vie di drenaggio naturale dell’occhio in modo che non si formi tessuto cicatriziale. Il monitoraggio ad intervalli regolari, sulla base di una misurazione convenzionale della pressione oculare, in ambulatorio il medico curante può impostare il volume del fluido al livello desiderato.

Si prevede a lungo termine,  di poter combinare il sistema con un sensore impiantabile, in modo che i fluidi possano essere regolati automaticamente.

Non solo questo nuovo approccio ha un impatto più delicato sul paziente, ma offre anche vantaggi aggiuntivi: la pressione oculare può essere fissata a un livello molto più preciso rispetto alle terapie a base di farmaci o interventi chirurgici. Fino ad ora, la tisi bulbare che inevitabilmente porta alla cecità, e in cima a questa, l’occhio era tipicamente rimosso per ragioni estetiche. “Dal momento che l’assenza di produzione del vitreo è la causa esclusiva della phthisis bulbi, (conosciuta anche come tisi o ftisi bulbare, definisce una condizione di atrofia del bulbo oculare) siamo ottimisti sul fatto che siamo in grado di fermare la progressione della malattia ed essere in grado di preservare la vista in modo sostenibile”, spiega Jenke. “Il nostro impianto imita la produzione naturale del liquido della camera di un occhio sano .”

Attualmente, i partner stanno costruendo un modello demo funzionante in grado di soddisfare tutte le specifiche di qualità per quanto riguarda lo spazio, la gestione dell’energia, il controllo della pompa e la gestione di micro-fluidi su scala di laboratorio. Affidabilità e test  aggiuntivi del ciclo di vita dell’impianto sono in attesa di essere valutati.

Fonte articolo : clicca qui

Download PDF

Scienza: Curare la cecità entro 15 anni

Download PDF

Gli scienziati del National Eye Institute pensano che ci possa essere la possibilità di ridare la vista ai ciechi entro i prossimi 15 anni. Il tempo ci dirà, ma si può essere ottimisti sul fatto che questi sono i primi passi per rendere la cecità curabile e non permanente.

Quando qualcuno perde la vista, il loro mondo si oscura per il resto della loro vita. Ma i recenti sviluppi nella ricerca suggeriscono che alcune cause comuni di cecità potrebbero essere reversibili in un prossimo futuro.

Siamo in grado di vedere, perché le cellule nervose nella parte posteriore dell’occhio rispondono alla luce e trasmettono i segnali al cervello che noi interpretiamo come visione. Alcune malattie genetiche rare (retinite pigmentosa) e quelle non genetiche comuni (tra cui la  degenerazione maculare correlata all’età e il glaucoma) danneggiano queste cellule, che non funzionano  bene e alla fine muoiono, causando la cecità.

Il corpo ha solo pochi mezzi per riparare le cellule nervose e non c’è modo di sostituire quelle morte, così i danni al sistema nervoso che causano la cecità, sono considerati permanenti.

Con questa  prognosi spietata, l’idea che potremmo  essere in grado di ridare la vista a un numero significativo di persone non vedenti in soli 15 anni a partire da oggi, sembra incredibilmente ottimista. Ma gli scienziati del National Eye Institute pensano di poter farlo accadere.

“Non pensiamo che questo sia così lontano dalla realtà,”  dice Michael Steinmetz, direttore del Extramural Research per il National Eye Institute, rispondendo alla rivista Business Insider.

A tal fine, il National Eye Institute ha recentemente annunciato la prima serie di progetti da finanziare attraverso i suoi obiettivi di Audacious Initiative. L ‘”obiettivo audace” che dà all’iniziativa il suo nome, è quello di ripristinare la visione rigenerando le cellule nervose perse.

In questa fase, come la ricerca sulle cellule staminali in modelli animali e studi clinici di terapia genica per le persone con malattie genetiche hanno cominciato a mostrare dati promettenti.

I primi progetti da finanziare aiuteranno gli scienziati  a misurare  la funzione delle cellule nervose coinvolte con la visione, che va al di là delle tecniche di imaging attuali che mostrano appena in apparenza quello che le cellule sembrano essere, dice Steinmetz .

Oltre a guardare più da vicino le cellule della retina, i ricercatori lavoreranno anche verso tecniche  finalizzate all’ immagine del nervo ottico, un fascio di fibre delle cellule nervose che trasportano informazioni visive dalla retina al cervello.

Un progetto finale mirerà a migliorare la risoluzione degli attuali metodi di imaging della retina, per cui i ricercatori potranno concentrarsi sull’attività delle singole cellule.

Per l’articolo originale: clicca qui

Download PDF

Individuare gli oggetti come i pipistrelli

Download PDF

Le persone cieche  potrebbero individuare gli oggetti come un pipistrello,’ lo afferma un nuovo studio.

Alcune persone hanno possibilità incredibili per determinare la posizione degli oggetti “silenti” semplicemente attraverso gli echi, e la nuova ricerca stabiisce che questo talento si basa su un ottimo udito in entrambe le orecchie. In conclusione i risultati  dimostrano come alcune persone con disabilità visiva o cecità potrebbero usare gli echi per aiutarli a navigare nel mondo, l’Università di Southampton ci ha riferito che In un prossimo futuro, una web-app sarà lanciata e permetterà al pubblico di testare su se stessi alcuni di questi esperimenti e vedere se sono in grado di individuare gli oggetti “come un pipistrello.”

I risultati sono stati pubblicati in una recente edizione della rivista Hearing Research.
Articolo originale

Download PDF

L’ Idrogel può ripristinare la vista nei ratti.

Download PDF
team.uni.toronto

(Photo : Roberta Baker | University of Toronto)

L’ Idrogel può ripristinare la vista nei ratti: Questa nuova terapia che impiega le cellule staminali, potrà aiutare anche gli esseri umani?

L’ Idrogel è stato impiegato per ripristinare la vista nei topi ciechi, e ora, i ricercatori vogliono sapere se la stessa sostanza potrebbe essere utilizzata per rendere reversibile la cecità negli esseri umani. Questo materiale simile a un gel sembra facilitare il trasporto delle cellule staminali e favorire il processo di guarigione degli occhi e nel cervello dei pazienti.
L’Idrogel sembra prolungare la durata della vita di alcune cellule aiutandole a integrarsi nei tessuti. Non solo potrebbero contribuire a invertire gli effetti di alcune forme di cecità, ma anche nel riparare i danni al cervello dopo un ictus, secondo la scoperta dei ricercatori.
I ricercatori dell’Università di Toronto hanno condotto un paio di esperimenti con il biomateriale appositamente costruito. Il team ha ricoperto le cellule staminali nella soluzione di idrogel, potenziando così la loro capacità di guarigione, prima di impiantare il materiale nei topi.

Due forme comuni dei problemi visivi come la degenerazione maculare e  la retinite pigmentosa, sono il risultato della perdita dei fotorecettori che operano nella retina dell’occhio. Queste condizioni potrebbero, un giorno, essere trattate utilizzando questo processo di nuova concezione.

L’ Idrogel potrebbe essere usato non solo per ripristinare la cecità e riparare i danni nel cervello dopo un ictus, ma il biomateriale iniettabile potrebbe anche essere utilizzato per una vasta gamma di altri trattamenti medici che coinvolgono le cellule staminali.
Questi possibili trattamenti per i pazienti umani non saranno disponibili a breve termine, ma il metodo potrebbe facilitare le terapie che già utilizzano le cellule staminali, fornendo benefici significativi per diverse malattie.

Per saperne di più:
http://www.techtimes.com/articles/53575/20150517/hydrogel-restore-eyesight-mice-new-stem-cell-therapy-help-humans.htm

Download PDF

Sì al farmaco oculistico meno caro

Download PDF

Due farmaci equivalenti, ma uno costa 40 volte di più dell’altro. Il danno per le casse della Sanità è di 1,2 miliardi. Ora qualcosa potrebbe cambiare. Oppure potrebbe essere l’ennesima occasione persa.

Cliccare qui per l’articolo: Corriere-Oms dà torto alla Novartis

comparazione prezzi

Download PDF

Nuova mutazione genetica collegata alla cecità tardiva

Download PDF

Fotoricettori retina BY MEMBS E-NEWS

Gli scienziati dell’Università di Leeds, in collaborazione con i ricercatori dell’Istituto di Oculistica a Londra e Università di Gand, in Belgio, hanno scoperto che le mutazioni nel gene DRAM2 causano un nuovo tipo di  cecità ereditaria a insorgenza tardiva.

I risultati pubblicati nell’ American Journal of Human Genetics descrivono uno studio sui componenti di cinque famiglie con una varietà di mutazioni del gene DRAM2, e a  tutti loro hanno portato la perdita della visione centrale iniziata verso i 30-40 anni di età. La perdita della visione periferica è stata rilevata  anche su individui più anziani.
Il gene DRAM2 ha un ruolo fondamentale nel promuovere un processo cellulare di ripristino chiamato autofagia, in cui la parte danneggiata delle cellule vengono rinnovate.
L’autofagia cellulare partecipa in maniera essenziale al mantenimento dell’equilibrio tra la sintesi, la degradazione e il rinnovo dei prodotti cellulari, ma si attiva in maniera particolarmente significativa in alcune circostanze critiche.
Per esempio, quando una cellula si trova in uno stato di grave carenza di sostanze nutritive, per cercare di sopravvivere comunque, sacrifica alcuni suoi elementi per fornire energia alle funzioni essenziali. L’autofagia interviene anche quando la cellula è infetta, o quando alcuni organelli di importanza cruciale, come i ribosomi e i mitocondri, sono gravemente danneggiati e disfunzionali.

“Un elevato livello di autofagia che si sviluppa nell’ epitelio pigmentato retinico, causa la necessità di un costante rinnovo dei segmenti esterni dei fotorecettori conseguenti al danni provocati  dalla  luce indotta quotidianamente” dice il Dott Manir Ali che ha guidato il team  presso l’Università di Leeds. “E ‘quindi probabile che, in mancanza del gene DRAM2 correttamente funzionante, l’autofagia e di rinnovamento dei fotorecettori si riducano, con conseguente assottigliamento dello strato delle cellule fotorecettrici. I nostri risultati sostengono quindi che il DRAM2 è essenziale per la sopravvivenza dei fotorecettori.”

Per approfondimenti:

cliccare qui: MEMBS

Citazione:. El-Asrag et al, biallelic mutazioni nel autofagia Regolatore DRAM2 Causa retinica Distrofia con precoce coinvolgimento maculare, The American Journal of Human Genetics (2015), DOI:. 10.1016 / j.ajhg.2015.04.006

Download PDF

Brimonidina e la sua efficacia contro il glaucoma

Download PDF

2010 glaucomaBrimonidina e la sua efficacia contro il glaucoma

Entro il 2020 si prevede che il glaucoma, interesserà oltre 80 milioni di persone in tutto il mondo come una delle principali cause di perdita della vista negli adulti. Circa il 10 per cento dei pazienti con diagnosi di glaucoma diventerà bilateralmente cieco a causa di questa malattia. Il trattamento in modo efficace e sicuro della pressione intraoculare inferiore è un must, e sempre più un tasso crescente di pazienti che necessiteranno di terapia si prevedono nel prossimo mezzo decennio. La Brimonidina ha, e continua ad essere un trattamento efficace per abbassare la pressione intraoculare (IOP) in pazienti che in questo modo ritarderanno la progressiva degenerazione delle cellule gangliari retiniche, portata dall’elevata IOP. Conosciuta come gocce per gli occhi, è  un antagonista del recettore α2-adrenergici selettivi. E’ stato anche dimostrato in una pletora di studi di avere effetti protettivi sullo stress ossidativo negli occhi. Il dosaggio tipico di brimonidina è di una goccia nell’occhio da trattare, tre volte al giorno. Tale schema terapeutico aiuta anche a diminuire la produzione di liquido negli occhi, aumentando il drenaggio in modo efficace. –

Per approfondimenti:
http://www.lgmpharma.com/blog/brimonidine-effectual-for-soaring-rates-of-glaucoma/#sthash.4hji2iMB.BMG4tEN3.dpu

Download PDF

Una maschera per occhi che salva la vista

Download PDF

Noctura400 eye mask

Salvata dalla cecità diabetica – semplicemente dormendo con una maschera per gli occhi: Questa nuova tecnologia potrebbe salvare migliaia di inglesi vittime della perdita della vista.

Una maschera che emette luce verde nell’occhio durante il sonno potrebbe salvare la vista di migliaia di cittadini britannici che si trovano ad affrontare un’imminente cecità.
La retinopatia diabetica, è una delle principali cause della perdita della vista nelle persone in età lavorativa nel Regno Unito, si verifica quando i livelli elevati di zucchero nel sangue danneggiano i vasi sanguigni della retina.
La condizione provoca il rigonfiamento dei vasi, perdite di liquidi oppure li ostruiscono completamente, talvolta provoca la formazione di vasi anomali che compaiono sulla superficie della retina.
La maschera per gli occhi Noctura 400, si indossa durante la notte mentre si dorme, ed emette sulle palpebre chiuse una luce verde a bassa frequenza  che imita la luce del giorno.
Questo sistema interferisce con il processo di produzione di nuovi vasi sanguigni negli occhi, portando benefici a chi ne è affetto in quanto fa diminuire la formazione e la quantità dei piccoli vasi sanguigni, riducendo così il rischio di cecità.

Per saperne di più:

http://www.dailymail.co.uk/news

Download PDF