ARTE AL BUIO: LABORATORIO SENSORIALE

Download PDF

ARTE AL BUIO : LABORATORIO ATTIVO DI  ESPERIENZA SENSORIALE

Sabato 23 e domenica 24 maggio 2015 nella cornice naturale dell’Oasi WWF di Vanzago (MI), il Comitato Arte Senza Confini organizza e promuove: “Arte al buio – Laboratorio attivo di esperienza sensoriale”.

Docente: Felice Tagliaferri.

Scultore non vedente di fama internazionale, Felice Tagliaferri ci accompagnerà in un percorso sensoriale attraverso il quale scopriremo come si fa a “dar forma ai sogni”. Arte plastica e manipolazione a occhi chiusi per sperimentare un nuovo modo di esprimerci e comunicare, per vivere un’esperienza di conoscenza interiore che ci aiuterà ad affinare il nostro modo di relazionarci con gli altri, per sviluppare la consapevolezza di quelle capacità e possibilità percettive che a occhi aperti non possono essere valorizzate.

per approfondimenti:

http://www.funweek.it/milano/eventi/arte-al-buio-laboratorio-attivo-di-esperienza.php

Download PDF

Nutrizione per la salute degli occhi

Download PDF

Gli occhi sono collegati al corpo in vari modi. Questo è il motivo per cui la salute del nostro corpo può influenzare i nostri occhi. La nutrizione è un processo in cui il corpo digerisce il cibo per ottenere i nutrienti di cui ha bisogno per scopi di crescita e di riparazione. Il consumo di alimenti ed integratori che forniscono il giusto apporto di nutrienti, in combinazione con un esercizio fisico regolare, è il modo migliore per raggiungere una salute ottimale.

Le due principali cause del deterioramento della vista nei paesi occidentali sono la cataratta e la degenerazione maculare senile. Entrambe queste condizioni sono associate a diabete (alimentazione), obesità ed invecchiamento. Anche se l’indebolimento della vista non mette direttamente in pericolo di vita, ma può determinare serie restrizioni alla propria indipendenza, mobilità e qualità della vita.

Una parte essenziale della cura degli occhi è mangiare cibi che contengono le vitamine giuste per mantenere gli occhi sani. Ci sono molte malattie degli occhi, ma mangiare gli alimenti adeguati può ridurre il rischio di queste malattie. Il cervello ed il sistema visivo insieme, sono il 2 per cento del peso corporeo, ma occupano il 25 per cento del nostro apporto nutrizionale. Le vitamine sono classificate come liposolubili o idrosolubili. Le vitamine liposolubili vengono immagazzinate nel corpo (si sciolgono e si immagazzinano nei grassi, quindi non è necessario ingerirle giornalmente) e sono A, D, E e K (cavolo nero), mentre le vitamine idrosolubili (C e B) sono assorbite facilmente ed altrettanto facilmente escrete con le urine, per questo motivo non vengono accumulate e quindi devono essere assunte giornalmente con i cibo. La ricerca suggerisce che gli antiossidanti e altre sostanze nutritive importanti possono ridurre il rischio di cataratta  e degenerazione maculare

Il danno provocato dall’ossidazione è uno dei principali rischi in entrambi i casi. Sono sempre di più le evidenze che dimostrano che i nutrienti antiossidanti, specialmente le vitamine A, C ed E, compresi i pigmenti carotenoidi: la luteina e la zeaxantina (contenute in frutta e verdura), possono aiutare a prevenire o ritardare l’insorgenza di questi disturbi visivi in età avanzata. Gli antiossidanti specifici possono avere ulteriori vantaggi; per esempio, la vitamina A protegge contro la cecità, e la vitamina C può giocare un ruolo nel prevenire o alleviare il glaucoma Gli acidi grassi essenziali Omega-3 sembrano aiutare l’occhio in una varietà di modi, da alleviare i sintomi della sindrome dell’occhio secco

In linea generale, per ottenere la maggior parte delle sostanze nutritive è meglio farlo attraverso una sana alimentazione, in cui almeno ci siano due porzioni di pesce a settimana e abbondanza di frutta e verdura dai colori vivaci.

Se avete intenzione di iniziare un regime di integratori di vitamine per gli occhi , è bene parlarne di questo con il vostro optometrista, oculista o medico di base.

Se si stanno assumendo farmaci da prescrizione medica per problemi di salute, l’assunzione di integratori può causare problemi. Quando si somministrano più farmaci contemporaneamente, è necessario controllarne le interazioni. 

 

 

 

Download PDF

Utilizzo dei sensi

Download PDF

Torna all’elenco degli articoli >

Ad un primo sguardo, questo dipinto “L’allegoria dei sensi” di Pietro Paolini 1603-1681) può sembrare semplicemente una scena ordinaria in una locanda cupa frequentata da poveri emarginati. Incorporare un oggetto in un’allegoria classica (immagine simbolica) lo rende particolarmente interessante. Ogni persona, qui agisce  con  uno dei cinque sensi: il suono è rappresentato dalla donna con un liuto, al centro; il gusto, dall’uomo che si scola un fiasco di vino; l’olfatto, dal giovane uomo con un melone; la vista, dall’uomo a destra in possesso di un paio di occhiali; e il tatto, da due persone che stanno litigando.

Se pensiamo al sistema percettivo come una democrazia in cui ogni senso è come una persona votante e tutti i voti sono contati per raggiungere una decisione – anche se non tutti i voti sono contati in ugual misura – ciò che lo studio del Prof. Adam Shams* dimostra, è che gli elettori parlano l’uno con l’altro e si influenzano a vicenda, anche prima di assegnare un voto “ Lo studio dimostra come un certo senso possa influenzarne un’altro.
*Il Prof. Shams, è un esperto di percezione e neuroscienze cognitive, associato UCLA psicologia

Nel corso della nostra vita, la vista, che si tratti di visione residua o la sua perdita totale, con l’avanzare dell’età, è stata probabilmente il senso primario sul quale abbiamo fatto più affidamento.
Alcuni ricercatori stimano che il senso della vista fornisce circa l’80% di tutte le informazioni che riceviamo dal mondo.
Probabilmente questo ci ha portato, inconsciamente per la maggior parte del tempo, a dare meno importanza agli altri sensi.
A causa di quest’attitudine, non potendo più fare affidamento sulla vista nel modo in cui eravamo abituati, ora ci si può sentire meno sicuri sugli altri sensi. Col tempo, con la pratica e con un’ adeguata formazione, si può imparare a sfruttare al massimo tutti i vostri sensi – tatto, udito, olfatto, ed ogni residuo visivo – così come migliorare la vostra memoria visiva. A poco a poco, con l’applicazione, la pazienza e campionando nuove esperienze, ci si comincerà a fidare degli altri sensi così come si riuscirà a ricostruire la vostra fiducia. Datevi questa possibilità, per una maggiore indipendenza.

...”Ovviamente, la persona ipovedente e cieca deve conoscere i tragitti che deve percorrere. A tale scopo le sono utili numerose caratteristiche, non solo tattili, ma anche sensoriali, come i profumi e i rumori. Proprio per questo motivo, per le persone ipovedenti e cieche i viaggi rappresentano un’esperienza molto arricchente. Per avvicinarsi a un paese nuovo ed a una cultura nuova non bastano le immagini, ci vogliono anche i suoni, i profumi, la cucina e, soprattutto, i contatti con altre persone”
“Muoversi in modo sicuro non è scontato”

Utilizzare la memoria visiva:

Si può imparare a farlo servendoci del vasto archivio dei ricordi visivi e le informazioni che si sono accumulate per tutta la vita. Questo vale anche per le memorie degli altri sensi. Del resto Beethoven compose i suoi più fertili capolavori a sordità inoltrata e Monet malato di una progressiva opacizzazione del cristallino che gli impediva di riconoscere i colori,  non gli ha impedito di essere stato denominato “ il più impressionista dell’Impressionismo”.
La memoria visiva è un processo che può aiutare a formare consapevolmente le immagini mentali precise di persone, luoghi e oggetti di uso quotidiano.
Con la creazione continua di questo tipo di immagini mentali dettagliate, sarete in grado di ricordare con maggiore precisione la posizione delle stanze, dei mobili, degli ostacoli ed eventuali pericoli nella vostra casa.

Nella vostra casa siete circondati da molti indizi sensoriali che possono aiutare a capire il vostro ambiente, ad esempio il senso dell’udito può fornire molte informazioni sulla propria casa.

Ci sono diversi metodi per l’organizzazione e per poter identificare i diversi elementi nella vostra cucina e in casa ;
Peso : un barattolo di pan grattato e uno di farina anche se hanno la stessa dimensione e forma, sono facilmente distinguibili dal peso.
Posizione o collocamento : un buon metodo è raggruppare oggetti simili insieme, come frutta zuppe o verdura.
Così come collocare elementi utilizzati di frequente nella parte anteriore di scaffali e mobiletti.
Conservare alimenti in ordine alfabetico.
oppure il metodo che utilizzo, è raggruppare per famiglie di appartenenza dentro scatole di scarpe o contenitori economici.
I miei mobili credenze e vetrinette non erano adibite ad essere elementi funzionali in una cucina, ma con piccoli accorgimenti lo sono diventate, adattandole, diventando incredibilmente capaci. ho aggiunto tra i ripiani esistenti dei divisori economici, (siamo nell’ordine di pochi euro ciascuno). Aggiungere un ripiano si guadagna più spazio per organizzare bicchieri, ciotole e contenitori.
Suono : utilizzare i suoni come segnali per distinguere gli elementi che hanno la stessa dimensione , forma e peso. ad esempio una lattina di frutta sciroppata se agitata, suona in maniera diversa da una lattina di pomodoro.
Versare il liquido in un contenitore e ascoltare il cambiamento di suono quando si riempie.
Ascoltare qualcosa che si sta cucinando – sta sobbollendo o sta bollendo?
Ascoltare il suono degli scatti degli interruttori quando si accende un apparecchio acceso e spento.
Utilizzare dispositivi acustici parlanti quali orologi e bilance da cucina in relazione alla disabilità del vostro residuo visivo.

Odori e sapori. I profumi e gli aromi possono fornire anche loro dei riferimenti utili, ad esempio durante la cottura degli alimenti, l’odore differente degli alimenti scaduti, la scelta della frutta e della verdura (con il tatto)
I profumi ci aiutano a distinguere tra diversi alimenti come il sale o lo zucchero, o di erbe e spezie tra loro.

Bisogna tener conto, comunque, che con l’invecchiamento, invecchiano anche i ricettori dell’olfatto e del gusto e questi possono essere dei limiti se il cibo è avariato o se il fornello del gas non è ben chiuso.

Tatto: Passare la mano su una superficie  dove è stato pulito per verificare se è pulito. Quando pelate le verdure, usare il tatto per sentire se ci sono ancora pezzi di buccia residui da pelare.

tenere presente che :

Quando invecchiamo anche il senso del tatto può subire cambiamenti dovuti all’età : la pelle ha anche una diminuzione alla risposta del dolore e alla temperatura.pertanto una persona in età adulta ha maggior rischi di lesioni da incidenti, ustioni e ipotermia.

E’ utile farsi delle domande che possono sembrare banali, ma ci aiutano a percepire molto meglio l’ambiente che ci circonda :

  • Che tipo di superficie sento sotto i miei piedi? Ad esempio, il tappeto in salotto si sentirà in maniera molto diversa dalle piastrelle di ceramica in bagno o del linoleum in cucina.
  • Quali odori mi possono indicare dove mi trovo, e in che specifica area della mia casa?
  • Posso vedere un cambiamento in meglio o peggio con un tipo di illuminazione o di luce, come vedo se mi allontano da, o vado verso, una finestra?

Le informazioni raccolte da questi esercizi possono stimolare la memoria visiva ed aiutare a costruire una chiara immagine mentale di ogni stanza della vostra casa.

In questo modo fornirete anche più dettagli ai quali fare riferimento al vostro specialista in riabilitazione. Ripetendo questi esercizi di visualizzazione fino a quando diventano modi naturali e automatici per comprendere meglio l’ambiente. A poco a poco, si inizierà ad avere più controllo, sentirsi più a proprio agio e più sicuri.

Esercizi di visualizzazione per massimizzare i vostri sensi:

Gli esercizi sensoriali possono aiutare a massimizzare l’utilizzo di tutti i vostri sensi. Questi esercizi aumenteranno la vostra consapevolezza sensoriale e gradualmente ricostruire la vostra fiducia e la capacità di continuare a fare molte attività giorno per giorno.
Vi aiuteranno a stimolare la vostra memoria visiva contribuendo a costruire una chiara mappa mentale di ogni stanza della vostra casa. Vi potranno anche dare indizi e riferimenti utili in modo di farvi muovere con maggiore fiducia intorno alla vostra casa ed individuare aree ed oggetti diversi.
Se non vivete soli, è importantissima la collaborazione di chi vive con voi, in modo da non sabotare il vostro lavoro di memorizzazione, perchè se spostano le cose dalla loro posizione abituale e che avete scelto, perderete i riferimenti necessari.
Ripetere questi esercizi fino a quando diventano modi naturali e automatici per comprendere meglio l’ambiente. Ci vuole pazienza ma a poco a poco, si inizierà a sentirsi molto più in una situazione di controllo, più comodi e più sicuri.

Come organizzo l’interno dei miei armadietti e armadi :

Rvarieratris

Cliccare sulla foto per ingrandire

armadi

cliccare sulla foto per ingrandire

Download PDF

Integratori alimentari – Vitamine e nutrienti

Download PDF

Sugli integratori attualmente vi è una grande quantità di polemiche, e parecchi dubbi sulla loro utilità nel fornire le sostanze nutrienti sufficienti. Bisogna comunque considerare che, col nostro “regresso”, la maggior parte dei cibi non contengono più la quantità necessaria di micronutrienti per il nostro fabbisogno giornaliero, questo grazie ai processi industriali di trasformazione degli alimenti, al suolo sfruttato e contaminato, ai trasporti dai luoghi di produzione, e non ultimi i lunghi periodi di conservazione in celle frigorifere e le tecniche di cottura usate. Tutto questo incoraggia la tesi dove i multi-vitaminici possono entrare nell’equazione. Alcuni esperti hanno concluso da loro studi, che i multi-vitaminici non prevengono le malattie e non promuovono una salute ottimale. Altri credono che un multi-vitaminico di alta qualità possa aiutare a soddisfare queste esigenze.

Come scegliere?

Gli integratori alimentari per gli occhi, contengono vitamine ed altri nutrienti formulati per mantenere la salute degli occhi e una buona visione.
Come suggerisce il nome, gli integratori alimentari, sono progettati per migliorare, e a non sostituire, le sostanze nutrienti che si ottengono da una dieta salutare. L’assunzione di integratori alimentari non può compensare completamente le gravi carenze nutrizionali di una dieta povera e prevalente di cibo spazzatura, che come sappiamo sono associati a molti gravi problemi di salute, tra cui la perdita della vista.

Che cos’ è una “dieta sana” per favorire la salute degli occhi?

Una dieta salutare pone l’accento sulla frutta, sulla verdura, sui cereali integrali e i prodotti senza grassi oppure di latte a basso contenuto di grassi. lattosio.
Include carni magre, pollame, pesce, fagioli, uova e noci.
E’ a basso contenuto di grassi saturigrassi trans, colesterolo, sale (sodio) e zuccheri aggiunti.
Ma è risaputo che la maggior parte delle persone non mangia abbastanza frutta, verdura e altri alimenti ricchi di nutrienti, optando invece per le alternative ad alto contenuto calorico, a basso contenuto di nutrienti che possono essere dannosi per il corpo, compresi gli occhi.
L’ assunzione di un integratore multi-vitaminico e minerale al giorno, può aiutare a colmare le lacune nutrizionali di una dieta non bilanciata così come può proteggere da malattie degenerative, comprese le malattie oculari come la degenerazione maculare e la cataratta.

Importante : Prima di scegliere di assumere gli integratori alimentari assicurarsi del parere del proprio medico o oculista. 

Una dieta ricca di frutta e verdura può aiutare a farci godere di una buona vita e di buona visione.

Approfondimenti studi e sperimentazione integratori alimentari: Studio Areds e Areds 2

Download PDF

Telecomandi: semplificare le funzioni

Download PDF

Se avete acquistato od osservato recentemente i telecomandi della televisione, avrete notato che le funzioni e il livello di complessità sono aumentati negli ultimi anni. L’estensione delle prestazioni dei televisori  hanno reso più difficile la loro comprensione per un utilizzo semplice. Per un individuo che sta invecchiando, che ha un deficit visivo, oppure un deficit cognitivo, o qualcuno con l’uso limitato delle dita della mano, semplificare il telecomando può essere la chiave per renderli accessibili. Ecco 2 suggerimenti:
Il materiale di cui avrete bisogno o chi farà per voi: il vostro telecomando, un foglio di cartoncino colorato, forbici, nastri adesivi sia trasparente che di carta, fotocopia del telecomando, taglierino, pennarello.

Rfotocopia telecomando copia

Cliccare sull’immagine per ingrandire

1° Soluzione:
Per prima cosa, prendere il telecomando e fatene una fotocopia.
Tagliare il contorno, appoggiarla su un cartoncino colorato e
fissarla con del nastro adesivo di carta.

 

 

 

Rtel 4

cliccare sull’immagine per ingrandire

Identificare e scegliere i pulsanti di cui si desidera avere accesso. Quindi, utilizzando lo strumento di taglio che avete scelto, incidere i tasti che vi necessita utilizzare e premere in modo da tagliare anche il cartoncino colorato sottostante.
-Togliere i pezzi tagliati.
-Staccare la fotocopia dal cartoncino
-Avvolgere il cartoncino intorno al tele-comando facendo corrispondere i fori effettuati con i tasti a voi utili, e fissare bene dietro con del nastro adesivo.

cliccare sull’immagine per ingrandire

 

Se volete, potete scrivere con un pennarello le diverse funzioni corrispondenti dei pulsanti.

 

Voilà, ecco un telecomando semplificato reso per chiunque più facile da utilizzare.

 

 

 

Rtel2 copia

cliccare sull’immagine per ingrandire


2° Soluzione :

Qui, invece ecco una soluzione più sbrigativa da realizzare. Utilizzare del nastro adesivo di carta e avvolgere a mo’ di mummia, i pulsanti che pensate non vi necessitino quotidianamente.

 

R2 telec.con scritt

cliccare sull’immagine per ingrandire

Download PDF

Museo del Prado, toccare i capolavori

Download PDF
07prado-6-articleLarge-v2

“È una sensazione incredibile”, dice González. “Sento questo dipinto in ogni suo dettaglio sotto le mie dita.”

Il signor González stava visitando una piccola mostra molto particolare, progettata per dare ai ciechi o quelli con vista limitata la possibilità di creare un’immagine mentale di un dipinto col tatto.
Il Metropolitan Museum of Art di New York e la National Gallery di Londra sono solo alcuni musei che organizzano attività per i visitatori non vedenti, tra cui visite guidate speciali, corsi di disegno, e laboratori “tattili”, in cui le persone non vedenti possono sentire sculture. Un’esperienza davvero unica per i non vedenti e ipovedenti …..proprio come tornare a ‘vedere’!
Per articolo originale cliccare qui sotto⇓
Download PDF

Vantaggi per gli occhi con le vitamine e i micronutrienti

Download PDF

Quello che noi respiriamo, beviamo e mangiamo ci aiuta a mantenere la nostra composizione biochimica e le nostre funzioni corporee. L’acqua, non strettamente considerata alimento, dovrebbe essere il componente più importante nella nostra dieta e dovremmo bere sei bicchieri di acqua filtrata al giorno, riducendo al minimo le bevande contenenti caffeina e zucchero. Con il degrado e lo sfruttamento del suolo, contaminato con pesticidi e prodotti chimici di produzione, così come la trasformazione degli alimenti, dobbiamo essere selettivi in ​​termini di qualità degli alimenti che mangiamo.

Beta-carotene

Benefici per gli occhi: Se assunto in combinazione con lo zinco e la vitamina C e Tocoferolo o vitamina E, il Beta-carotene può ridurre la progressione della degenerazione maculare.

Fonti alimentari naturali:

  • Cavolo nero, Carote, Patate dolci, Spinaci, Cavoli, Zucca
  • Melone, Mango, Albicocche
  • Uovo
  • Fegato, Olio di fegato di merluzzo
  • Burro – Con la cottura se ne perde il 20%.

Il Beta-carotene è da evitare in stato di gravidanza, se soffrite di ipotiroidismo, se siete fumatori

Bioflavonoidi (flavonoidi)

I Flavonoidi o Bioflavonoidi  sono indicati  per contrastare la fragilità capillare.

Benefici per gli occhi: possono proteggere contro la cataratta e la degenerazione maculare.

Fonti alimentari naturali:

  • Tè, Vino rosso
  • Agrumi; Arance e limoni, Succo di mandarino, Mirtilli, Ciliegie, Albicocche, Uva, Papaya, Melone, Prezzemolo
  • Legumi Prodotti a base di soia.

Luteina e zeaxantina

La Luteina e la Zeaxantina sono antiossidanti particolarmente importanti per la salute degli occhi. E’ presente in alta concentrazione nella macula ma necessita di essere frequentemente ripristinata.Questi nutrienti hanno dimostrato di ridurre il rischio di degenerazione maculare correlata all’età e la cataratta.

Benefici per gli Occhi : Può prevenire la cataratta e la degenerazione maculare.

Fonti alimentari naturali: 

  • Spinaci, cavoli, cime di rapa, cavolini di Bruxelles, zucca, mais, piselli, broccoli, lattuga romana, uova, fagiolini, asparagi, sedano, carote, pomodori crudi. cavolo nero, radicchio rosso.
  • Cavoli e spinaci : Solo una tazza di una di queste verdure cotte si ottiene più di 20 milligrammi di luteina e zeaxantina, due sostanze nutrienti che fanno miracoli per i nostri occhi.
  • Avocado, mandarini, arancia, papaya, pesche, melone cantalupo, mele, anguria, pompelmo rosa
  • Tuorlo d’uovo

Omega-3 acidi grassi

Gli acidi grassi essenziali fanno bene a tutto il corpo, compresi gli occhi. Sostengono il normale sviluppo del cervello occhi e nervi. Possono aiutare a prevenire la degenerazione maculare (AMD).

Benefici per gli occhi: contribuiscono allo sviluppo visivo, funzione retinica, e proteggono contro la sindrome dell’occhio secco. Mantengono il vostro cuore ed il cervello sano, proteggono gli occhi contrastando l’infiammazione ed aiutano le cellule a funzionare meglio. Per questo è bene mangiare almeno due o tre porzioni di pesce di acqua fredda a settimana.

Fonti alimentari naturali:

  • Avocado, Spinaci, broccoli, lattuga e cavolo verde, Alghe 
  • Pesci d’acqua fredda: Salmone, acciughe, sgombro, aringa , trota, orata (non di allevamento) sogliola, halibut, tonno. supplementi di olio di pesce 
  • Fagioli, piselli, lenticchie, ceci e, soprattutto, la soia e i suoi derivati (come il latte e il tofu) Noci, Germe di grano, germe di avena, olio o semi di lino appena macinati. Sono in genere il modo migliore per caricarsi di acidi grassi essenziali

 

Selenio

E’ necessario per la protezione delle cellule dai danni causati dai radicali liberi.

Benefici per gli occhi: Se combinato con carotenoidi e vitamine C e E, possono ridurre il rischio di AMD avanzato.

Fonti alimentari naturali:

  • Gamberi, granchi, salmone, halibut
  • Frattaglie
  • Noci del Brasile Riso integrale.

Vitamina A

Benefici per gli occhi : 

Può proteggere dalla cecità notturna e la sindrome degli occhi asciutti. assicura un buon funzionamento della vista e permette la visione crepuscolare, ha un potente effetto antiossidante (combatte i radicali liberi, contrasta gli effetti dannosi provocati dall’inquinamento e dal fumo. aumenta la resistenza alle infezioni rinforzando il sistema immunitario 

La Vitamina A o retinolo deriva da un precursore del β carotene, una provitamina che viene trasformata nell’organismo. La Vitamina A è una vitamina liposolubile che viene depositata nel nostro organismo a livello epatico;  In un organismo sano e ben nutrito, le sue riserve sono tali da garantire il buon funzionamento del corpo per un periodo di uno o due anni.

Fonti alimentari:

  • Fegato di bovino, di pollo, equino, frattaglie.
  • Avocado, albicocche disidratate, mango, spinaci, broccoli, albicocche, patate dolci, meloni, carote crude, peperoncini piccanti, prezzemolo, pomodori maturi, basilico, rucola, zucca gialla, barbabietola rossa*, verdure gialle e a foglia verde scuro ( cavolo nero)
  • Pesche gialle, pompelmi rosa, papaya
  • Anguille di fiume e di mare, Olio di fegato di merluzzo
  • Tuorlo d’ uovo,
  • Burro, latte intero, formaggio

* barbabietola rossa: attenzione all’uso per chi soffre di glicemia alta per l’alto contenuto di zuccheri

Vitamine del gruppo B 

Tra cui le vitamine B1, B2, B3, B5, B6, B12 acido folico, biotina e colina. Vitamine del complesso B possono contribuire a ridurre l’ infiammazione cronica e prevenire elevati livelli nel sangue di omocisteina , che sono stati associati ai problemi vascolari che colpiscono la retina . Vitamine del gruppo B possono anche svolgere un ruolo nel ridurre il rischio di degenerazione maculare e nel trattamento di uveite , una comune causa di cecità. La vitamina B viene persa in buona parte durante la raffinazione delle farine e anche durante la conservazione e la sterilizzazione degli alimenti.

Fonti alimentari naturali :

  • Carne di maiale, interiora, pollo, manzo, tacchino, prosciutto.
  • Uova
  • Salmone, Tonno
  • Soia, legumi, fagioli, lenticchie, ceci, Germe di grano, cereali integrali farina d’avena, riso integrale, pane e pasta. Noci
  • Latte e derivati, yoghurt
  • Lievito di birra
  • Banane, Verdure a foglia verde, come cicoria, spinaci, rucola e bietole asparagi.

Vitamina C

Benefici per gli occhi : La vitamina C è un antiossidante superiore. E’ stato anche dimostrato che può ridurre al minimo il rischio di cataratta e la degenerazione maculare senile. Con una tazza di succo d’arancia, è possibile ottenere fino a 124 milligrammi di vitamina C. succo di pompelmo circa 94 milligrammi. Questi alimenti sono tra le migliori fonti di vitamina C.

Fonti alimentari naturali:

  • Agrumi, Papaya, kiwi, fragole, melone giallo,
  • Cavolo nero, Barbabietola*, Peperoni (rosso o verde), cavoli, broccoli, cavolini di Bruxelles, cavolfiori, verdure a foglia verde.

* ll consumo della barbabietola potrebbe essere controindicato a coloro che soffrono di calcoli renali, per via del suo contenuto di ossalati, oltre che in caso di gastrite – in quanto la barbabietola stimola la produzione di succhi gastrici – e del diabete, per via dell’alto contenuto di zuccheri  perchè presenti nel tubero utilizzato cotto.

Vitamina D

Benefici per gli occhi:
Può ridurre il rischio di degenerazione maculare. La vitamina D può essere utile per aiutare a prevenire i problemi della vista degli anziani, come l’infiammazione e i danni alla retina dell’occhio, che possono portare alla degenerazione maculare, principale causa di cecità nelle persone sopra i 50 anni.
Oltre  all’Alzheimer, quindi, l’accumulo della beta-amiloide pare legato allo sviluppo della degenerazione maculare: la vitamina D nelle prime fasi di degenerazione maculare potrebbe rivelarsi un percorso molto semplice ed efficace per limitare la progressione della malattia.

La migliore fonte di vitamina D è l’esposizione alla luce solare. radiazioni ultraviolette del sole stimolano la produzione di vitamina D nella pelle umana, e pochi minuti di esposizione alla luce solare ogni giorno (senza protezione solare) assicurerà al vostro corpo adeguate quantità di vitamina D.

Fonti alimentari naturali:

  • Salmone, sardine, aringhe, pesce azzurro, alici, sgombro, olio di pesce, frutti di mare (cozze, ostriche, vongole) caviale e uova di pesce
  • Latte, ricotta
  • Succo di arancia addizionato con vitamina D.
  • Uova
  • Funghi

Vitamina E

La vitamina E protegge le cellule dei nostri occhi dai radicali liberi e rallenta la progressione della cataratta e della degenerazione maculare correlata all’età. Se si mangia solo un grammo di semi di girasole o mandorle,  potrai guadagnare più di un terzo del valore giornaliero di vitamina E.

Benefici per gli occhi:
Se in combinazione  con carotenoidi e vitamina C, insieme possono ridurre il rischio di AMD avanzato.

Fonti alimentari naturali :

  • Frutta secca: mandorle, noci, semi di girasole, anacardi, nocciole, germe di grano, pinoli, pistacchi. noci pecan, burro di arachidi
  • Olio extra vergine di oliva, olio di soia, di cartamo, di mais, olio di fegato di merluzzo
  • Avocado, spinaci, crescione, asparagi, ceci, marroni, broccoli, pomodori
  • Soia e derivati

La cottura, i processi di congelazione e la raffinazione riducono il contenuto di vitamina E nei cibi, così come l’esposizione alla luce e all’aria.

Gli oli ottenuti a pressione contengono più vitamina E di quelli raffinati e così anche le farine non raffinate e integrali ne contengono quantità maggiori rispetto a quelle lavorate.

Alimenti con vitamina E: Mangiare una piccola manciata di semi di girasole, oppure condire l’insalata con un cucchiaio di olio di germe di grano ne dà una notevole quantità. Mandorle, noci pecan, e oli vegetali sono anch’essi buone fonti.

Zinco

Lo zinco contribuisce alla normale struttura della pelle, alla normale guarigione delle ferite e aiuta a mantenere in salute il sistema immunitario.

Benefici per gli occhi :

Aiuta la vitamina A e riduce il rischio di cecità notturna; può svolgere un ruolo importante nel ridurre il rischio di AMD avanzato. Solo due ostriche danno più della dose giornaliera necessaria di zinco, mantenendo la retina del vostro occhio in un alto stato di funzionamento. Senza un quantitativo sufficiente di zinco, i nostri occhi possono soffrire di difficoltà di visione notturna e possibilmente di cataratta.

Fonti alimentari naturali:

  • Ostriche, molluschi, granchio, crostacei
  • Manzo, tacchino (carne bianca). fegato, carne rossa, pollame, latte,
  • Fagioli al forno
  • Cereali integrali.

 

Download PDF

pasta

Download PDF
pasta
Recipe Type: italiana
Cuisine: italiana
Author: Laura Giardina
Prep time//:
Total time:
questa è la pasta
Ingredients
  • pasta
  • sale
  • olio
  • pomodoro
  • basilico
Instructions
  1. prendere la pasta e sugo
Serving size: 100g Calories: 255g Fat: 34g Saturated fat: 12g Unsaturated fat: 2g Carbohydrates: 222g Sugar: 12g Sodium: 2g Fiber: 345g Protein: 234g Cholesterol: 34g
Notes
ricordate di cucinare bene

 

Download PDF

ricetta

Download PDF
ricetta
Recipe Type: pizza
Cuisine: pizza
Author: Laura Giardina
Prep time//:
Total time:
si ripetute, ad esempio “testo qui”), apparendo come un normale blocco di testo leggibile. Molti software di impaginazione e di web design utilizzano Lorem Ipsum come testo modello. Molte versioni del testo sono state prodotte negli anni, a volte casualmente, a [b]volte[/b] di proposito (ad esempio inserendo passaggi ironici).
Ingredients
  • si ripetute, ad esempio “testo qui”), apparendo come un normale blocco di testo leggibile. Molti software di impaginazione e di web design utilizzano Lorem Ipsum come testo modello. Molte versioni del testo sono state prodotte negli anni, a volte casualmente, a volte di proposito (ad esempio inserendo passaggi ironici).
  • [url href=”http://www.tuconimieiocchi.com/wp-content/uploads/2015/02/pizza.jpg”][img src=”http://www.tuconimieiocchi.com/wp-content/uploads/2015/02/pizza.jpg” width=”500″ height=”476″ class=”alignnone size-full” title=”pizza”][/url]
Instructions
  1. si ripetute, ad esempio “testo qui”), apparendo come un normale blocco di testo leggibile. Molti software di impaginazione e di web design utilizzano Lorem Ipsum come testo modello. Molte versioni del testo sono state prodotte negli anni, a volte casualmente, a volte di proposito (ad esempio inserendo passaggi ironici).
Serving size: 2 Calories: 2 Fat: 2 Saturated fat: 2 Unsaturated fat: 2 Carbohydrates: 2 Sugar: 2 Sodium: 2 Fiber: 2 Protein: 2 Cholesterol: 2

 

Download PDF

Etichettatura

Download PDF

Torna all’elenco degli articoli >

Sistemi di etichettatura

Gli elementi che si possono utilizzare per marcare ed etichettare sono spesso già in casa, oppure possono essere acquistati nei negozi di ferramenta o realizzati con metodi artigianali. Basta decidere come avete intenzione di usarli e usare la vostra immaginazione… volete che siano permanenti o riutilizzabili? Durevoli o economici?

Decidete il sistema che più vi si addice, ad esempio etichette permanenti o etichette riposizionabili come quelle Braille, oppure quelle Dymo, etichette adesive bianche scritte con pennarello nero, o lettere magnetiche in plastica.

Qualunque sia il metodo scelto, assicuratevi di creare il vostro sistema personale in modo da essere a vostro agio, e vedrete che usandoli regolarmente aumenterete la vostra indipendenza. Possiamo dividere i sistemi di etichettatura “casalinga” in due grandi categorie:
sistemi visivi e sistemi tattili. Possiamo poi affidarci anche a dei sistemi acustici, che però sono oggetti più specifici da acquistare.

Sistemi visivi

I sistemi visivi funzionano bene se si è in grado di utilizzare il residuo visivo per alcune attività, e consistono nell’applicare a scatole e contenitori delle etichette che ne indichino a chiare lettere il contenuto. La dimensione di etichetta che può funzionare per voi può dipendere dalla grandezza delle lettere di cui avete bisogno, ed è molto importante l’uso del colore e del contrasto visivo per identificarle subito. È anche bene cercare di semplificare, perché troppe etichette o marchi possono rendere le cose difficili e confuse.

Alcuni esempi di sistemi visivi “fai da te” economici:


etichetteLe etichette bianche grandi e un pennarello a punta grossa di colore nero possono aiutare a creare etichette per identificare farmaci, cassetti biancheria, vestiti ed alimenti. Se le fissate in modo non definitivo, come ad esempio con degli elastici, oltre all’identificazione del contenuto offrono dei notevoli vantaggi. Ad esempio, se utilizzate un elastico per fissare un’etichetta su un barattolo di riso, dopo aver consumato il contenuto, potete recuperarne l’etichetta e metterla in un barattolo vuoto insieme alle altre già consumate. È quindi possibile fare riferimento alle etichette nel barattolo per creare la prossima lista della spesa, e una volta tornati dal supermercato riapplicarle agli alimenti comprati.

Rnastri e etichetteSe invece preferite utilizzare delle etichette adesive: sono disponibili in molte varietà di forme, dimensioni e colori, e sono un ottimo modo per creare un sistema di identificazione aiutandosi anche con un codice colore a voi più congeniale.

Altri Esempi di utilizzo
iRnterno armadio

etichscad

Sistemi tattili

I sistemi tattili sono utili a coloro che hanno scarsissima visione residua, oppure a persone la cui visione tende a fluttuare. Possono ovviamente essere utilizzati in combinazione con quelli visivi, a seconda della situazione o l’attività in questione. I sistemi tattili possono includere Braille o altri alfabeti alternativi, ma ci sono anche altre risorse meno specifiche che molto probabilmente avete già in casa.

=lattine con elastici

Gli elastici ad esempio possono aiutare ad identificare facilmente dei prodotti che hanno contenitori simili. Ad esempio, possiamo avvolgere un elastico intorno al brik del succo di frutta per distinguerlo dal latte, oppure per distinguere tra loro diverse tipologie di latte. Stessa cosa per contenitori di shampoo o prodotti cosmetici simili tra loro.
Una volta presa confidenza col metodo, è possibile utilizzare combinazioni di più elastici su barattoli di prodotti simili per accomunarli e distinguerli da altri (ad esempio il numero diverso di elastici può essere utilizzato per distinguere dei contenitori di forma e dimensioni simili, come ad esempio un solo elastico attorno al curry, due intorno alla paprika e tre intorno alla senape). L’unico svantaggio di questo sistema è il rischio di dimenticarsi del perchè c’è l’elastico sulla lattina… ma igrande vantaggio è che aiuta a tenere in allenamento la memoria!


Rmollettefiorista
Inoltre, sempre grazie agli elastici, potete applicare ai barattoli degli ulteriori elementi di riconoscimento rendendoli riutilizzabili, come ad esempio una fascetta, un magnete, una molletta, un’etichetta… insomma qualunque cosa riteniate vi possa aiutare ad identificare senza sforzo i vostri oggetti o alimenti.

Feltrini o gommini per i mobili
Sono altri indicatori tattili facili da usare. Usateli per contrassegnare le impostazioni di temperatura di elettrodomestici, pulsanti acceso/spento su dispositivi elettronici, caratteristiche della macchina da cucire, o flaconi di farmaci. Come sempre, valutate cosa funziona meglio per voi.
Rinrerrutorimarker copiaCi sono puntini di gomma o di silicone autoadesivi che possono essere usati variando la loro disposizione sugli oggetti per facilitarne l’identificazione. Io li trovo molto comodi per marcare gli interruttori della luce.

rchina e smalti

Inoltre si possono utilizzare  smalti per unghie dai colori vivaci oppure i colori 3d, che si gonfiano e diventano anche marcatori tattili. Sono sistemi più piccoli e applicabili in poco spazio, che personalmente trovo comodi per marcare le impostazioni abituali delle apparecchiature o dei materiali elettronici, come ad esempio la manopola per la temperatura del forno,le varie posizioni dei fornelli, le funzioni del termostato. Anche qui, scegliete voi il colore e la posizione che ritenete migliori per le vostre esigenze.

Un’altra comodissima applicazione di questo metodo può essere la semplificazione dei telecomandi, ovvero utilizzare questi metodi per nascondere le funzioni dei telecomandi che non si utilizzano frequentemente, evitando il rischio di scombinare ogni volta le impostazioni di base (luminosità, etc.) e dover aspettare la venuta di esperti ingegneri. Vedi semplificare i telecomandi.

Sistemi acustici

=coso sonoro

Questo dispositivo circolare vi permette di effettuare una registrazione audio di 10 secondi, durante la quale potete indicare ciò che contengono i vostri barattoli: se non riuscite a identificarne il contenuto, vi basterà premere il tasto e sentirete la vostra voce che ve lo dice! Viene fornito con un cinturino in velcro da avvolgere intorno ai contenitori non metallici.

Download PDF