Panna acida vegan

Download PDF

Conosciuta anche come sour cream o crème fraiche, la panna acida è un ingrediente poco diffuso in Italia, perché i piatti della tradizione non la prevedono, diversamente da quello che avviene per esempio della cucina francese, nordeuropea o russa.
Reperire la panna acida nei nostri punti vendita può rivelarsi un’impresa non facile: in questo caso è possibile prepararla in casa mescolando alla panna vegetale lo yogurt bianco* e succo di limone filtrato, che le danno, appunto, quella punta di acido.

Tempo di prep.: 5 minuti                    Dosi per 4 persone

Ingredienti

  • 250 ml di panna da cucina di soia liquida
  • il succo di un quarto di limone

Preparazione

Spremere e filtrare il succo di limone. Mischiarlo con la panna e lasciare riposare 24 ore coperto a temperatura ambiente (se fa molto caldo può servire anche meno).

Note

Per questa ricetta serve una panna liquida, tipo quella della Provamel o della Sojadé. Non va bene la panna da cucina classica, quella densa.
Si può aromatizzare con pepe, erbe, erba cipollina, aneto, e vari altri gusti.

Varianti e suggerimenti per l’utilizzo)

Si può fare anche con una parte di panna e una parte di yogurt bianco* non aromatizzato, diminuendo un pò la dose di limone.

Con qualche goccia di aceto di mele, oltre al limone, e con l’aggiunta di un pizzichino di sale si imita alla perfezione il gusto acidulo.

Download PDF

Borscht vegetariano

Download PDF

Questo  Borscht  di conforto, in versione vegetariana, è fatto con barbabietole dal colore brillante e intenso, verdure abbondanti e aromatizzato con succo di limone e aneto.

Tempo di prep.: 15 minuti   Tempo di cottura 25 minuti
Tempo totale: 40 minuti        Porzioni : 4

Ingredienti

  • 2 cucchiai di olio d’oliva
  • 3 barbabietole medie, pelate e tagliate a dadini
  • 2 carote medie, pelate e tagliate a dadini
  • 1 cipolla media, tritata2 spicchi d’aglio, tritati
  • 1 litro  di brodo vegetale
  • 2 cucchiai di concentrato di pomodoro
  • 2 tazze di cavolo tritato finemente
  • 1 patata  media, pelata e tagliata a dadini
  • 1 -1/2 cucchiai di succo di limone
  • Aneto fresco tritato, più altro per servire
  • Sale e pepe a piacere
  • Panna acida vegana, yogurt o crema di anacardi, per servire
  • Erba cipollina fresca tritata e / o prezzemolo, per servire

Istruzioni

Rivestire il fondo di una grande pentola con olio d’oliva e posizionarlo a fuoco medio. Quando l’olio è caldo, aggiungi le barbabietole, la carota e le cipolle. Far rosolare fino a quando le verdure iniziano ad ammorbidirsi, circa 10 minuti. Aggiungere l’aglio e soffriggere un altro minuto.

Mescolare il brodo, il concentrato di pomodoro, il cavolo e la patata. Alzare il fuoco e portare a ebollizione il liquido. Abbassa il fuoco e lascia cuocere a fuoco lento, scoperto, fino a quando le verdure sono tenere, 15-20 minuti. Puoi aggiungere altro brodo o acqua se vuoi.

Rimuovi la pentola dal fuoco e aggiungi il succo di limone e l’aneto. Condite con sale e pepe a piacere.

Dividi la zuppa nelle ciotole e aggiungi panna acida vegana, yogurt o crema di anacardi e una spolverata di aneto fresco, prezzemolo e / o erba cipollina. Servire

Download PDF

Bimbi in cucina

Download PDF

Perché i bambini dovrebbero imparare a cucinare.

Molti genitori sono riluttanti ad incoraggiare un bambino, in età prescolare, nel farsi aiutare a mescolare del cibo in pentola. A cena, il cuoco di casa spesso perde la pazienza. perchè alcuni tipi di “aiuto” , spesso non portano il cibo sulla tavola. I bambini rovesciano ciotole, alzano  il mixer in funzione in alto appena giriamo la schiena e non sono di certo al sicuro intorno a fornelli e coltelli. Lasciarci aiutare, la maggior parte delle volte richiede molto più tempo, per noi , dal  fare da soli.
Per i nostri figli, sapersi destreggiare in cucina può divenire un’abilità di base per la vita, è un’ educazione formativa riuscire con pochi ingredienti a cucinare un semplice pasto. È anche salutare – un tredicenne affamato che sa cucinare, da solo in casa  dopo la scuola, può decidere se far saltare un po’ di riso avanzato con tutto ciò che c’è in frigo. Di contro, un suo coetaneo senza esperienza, viene lasciato a frugare nella dispensa alla ricerca di tutto ciò che può essere mangiato direttamente dalla scatola o da una busta. Cucinare è motivo di orgoglio per i bambini che possono prendersi cura di sé stessi o dare da mangiare a un amico o a un fratello. I bambini sono in grado di cucinare, sanno cosa fare, possono farlo!

Ci sono buoni motivi per incoraggiare i bambini in cucina a qualsiasi età. Con i bambini piccoli, quell’investimento iniziale alla fine paga. I bambini più grandi potrebbero non essere grati ora, ma verrà il momento in cui dovranno mettere del cibo sul tavolo e ti aiuteranno facendoti sapere che  l’acqua sta bollendo prima di buttare la pasta. Inizia ora e potresti trarre beneficio da un bambino che può preparare la cena una volta alla settimana o una volta al mese.

Ecco cinque motivi per cui dovresti coinvolgere i tuoi figli in cucina, siano essi di 3 o 13anni

I bambini che cucinano diventano bambini che assaggiano… e talvolta mangiano. Coinvolgere i bambini nella fase della preparazione –  a raccogliere le  insalate e  i pomodori,  preparare le erbe da aggiungere a un’insalata di pomodori, ad esempio – aumenta notevolmente le possibilità che proveranno effettivamente il piatto una volta finita la preparazione. Favorire un approccio accogliente e aperto al cibo,  può farli crescere come adulti che si avvicinano alla vita in modo simile. Braccia aperte e bocca aperta per nuovi gusti, culture e atteggiamenti.

I bambini che cucinano dicono “Posso”, oppure non “Non posso”. Un bambino che può farlo può guardare qualsiasi piatto da ristorante e dire: “Potrei farlo.” Questo è un atteggiamento che può portare un bambino ad una visione più ampia aldilà della cucina.

Cucinare è un modo per parlare di salute. Gli esperti affermano che l’unica cosa più importante che puoi fare per la tua salute è cucinare a casa. Invitare i bambini in cucina e coinvolgerli in tenera età, promuove un’abitudine che avrà benefici per tutta la vita. Inoltre, ti dà l’opportunità di discutere con un bambino di 3 anni di come il pesce ( pesce alla griglia con salsa chermoula) può aiutarlo a renderlo più intelligente (acidi grassi), e che come “mangiare un arcobaleno di colori” gli garantisca una grande varietà di vitamine e minerali,  inoltre mangiare molta verdura fresca e bere molta acqua “impedirà alla sua cacca di fargli male  quando esce”.

Cucinare è un modo per parlare di ingredienti sani. I bambini che hanno fatto il gelato alla  fragola  con un vortice di caramello sopra, sapranno come  dovrebbe essere fatto un gelato. Sapranno che non hanno aggiunto alcuna gomma di guar. Se hanno fatto il pane senza impasto, sapranno che il buon pane non ha bisogno di zucchero. Quando capovolgi i pacchetti per leggere le etichette nel negozio di alimentari, capiranno che non comprerai  cose che non puoi pronunciare, e si uniranno a te. (Potrebbero, infatti, sorvegliare i tuoi acquisti più di quanto desideri 😉 ).

La cucina avvicina i cuochi di tutte le età. Nel bene o nel male, conoscerai i tuoi figli e loro, più profondamente quando cucinerai con loro. Per meglio dire, condividerai ricette, tecniche e aneddoti che hai appreso sui gomiti di madri, nonne e bisnonne ormai lontane. Nel peggiore dei casi, sbufferai spazientito/a e piagnucolerai, quando accidentalmente, rovesceranno l’impasto della torta su tutto il tavolo della cucina, mentre prepareranno ii muffins con i frutti di bosco, ma ti ameranno comunque, insegnandoti, quello che dovrebbe essere, sull’amore adulto  incondizionato e pronto al  perdono.

Tu con i miei occhi partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it“.

 

Download PDF